Regolamento

della

Casa

La Casa per Ferie

La Casa per ferie San Bassiano è gestita dall’Opera Diocesana S. Alberto Vescovo, ente ecclesiastico civilmente riconosciuto, iscritto al n. 7 del registro delle persone giuridiche private presso la Prefettura di Lodi, in virtù di autorizzazione comunale n. 0001/S rilasciata in data 05.04.2007, ai sensi della normativa regionale vigente.

La Casa per Ferie San Bassiano è ubicata nel fabbricato di proprietà dell’Opera Diocesana S. Alberto Vescovo, sito nel Comune di Bellaria Igea Marina, via Panzini, n. 217, individuato al Catasto Fabbricati al Foglio 1, Particella 83, Sub 1.2.3

La Casa per ferie è una struttura ricettiva per il soggiorno temporaneo di persone o gruppi che condividono un percorso di fede e di spiritualità cristiana per un turismo sociale, ospitale e religioso, che accanto ai servizi per l’accoglienza offre all’ospite un’atmosfera ed un ambiente di serenità ove poter esercitare la preghiera e la meditazione in Cristo.

Finalità

La Casa per ferie costituisce uno strumento per la missione di apostolato propria dell’Opera, per la promozione di un turismo religioso, per l’integrazione sociale, l’assistenza e l’ospitalità della persona secondo il Magistero e la dottrina sociale della Chiesa.

La Casa per Ferie viene gestita, al di fuori dei normali canali commerciali e promozionali senza finalità di lucro, poiché l’esercizio di tale attività, che è fondante per l’Opera gestore, pur all’interno di una adeguata struttura organizzativa, indispensabile e fondamentale per il suo svolgimento, rientrando nell’opera e nella missione di apostolato e formazione cristiana, costituisce strumento immediato e diretto per il pieno realizzo e raggiungimento dei fini di religione e culto dell’Opera.

La struttura è organizzata per offrire un ambiente ospitale, sereno e di riposo, ove l’ospite ha l’opportunità di riscoprire i valori umani e cristiani, in un rapporto di rispetto, di fratellanza, di preghiera e cordialità con tutti.

Peculiarità

Onde ulteriormente differenziare questa Casa per ferie da una comune struttura turistica ricettiva, l’accoglienza nella Casa per ferie avviene secondo i seguenti principi ispiratori:

⇒ L’ospite dovrà condividere gli ideali e le regole di condotta proprie della religione cristiana;

⇒ L’ospite dovrà mantenere, per tutta la durata del soggiorno, un comportamento ed un abbigliamento consoni e coerenti alla funzione sociale e religiosa della struttura;

⇒ L’ospite dovrà rispettare gli orari di ingresso e di uscita della struttura e ogni altra disposizione che la Direzione potrà emanare;

⇒ L’Opera mette a disposizione degli ospiti le proprie strutture ed il personale religioso per una continua assistenza spirituale e religiosa, oltre alla annessa Cappella dove tutti possono recarsi per partecipare alla S. Messa e per i momenti di preghiera e di raccoglimento personale e comune. L’ospitalità Nel contesto del turismo sociale e religioso sono ammessi alla struttura ricettiva le seguenti categorie di utenti: religiosi/e, nuclei famigliari, persone singole o gruppi, anche associati, persone disabili autosufficienti, giovani e anziani, comunque tutte persone che condividono gli ideali di vita cristiana e religiosa.

La prenotazione, effettuata telefonicamente, o via e-mail, deve essere confermata mediante il versamento di una caparra secondo l’importo e termini stabiliti dalla Direzione della Casa per ferie. La caparra versata non verrà rimborsata in caso di disdetta.

L’ospite all’arrivo è tenuto ad esibire un documento di riconoscimento valido, nonché a sottoscrivere la prescritta scheda identificativa.

L’Opera e la Direzione non sono responsabili per eventuali danni diretti o indiretti che possano derivare in qualsiasi modo all’ospite e/o alle persone che con lui soggiornano a qualsiasi titolo anche temporaneamente nella Casa per ferie, da comportamenti imputabili all’ospite medesimo e/o a terzi, nonché dalle interruzioni dei servizi non imputabili alla Direzione.

NORME GENERALI

  1. L’ospite è pregato di usare il massimo rispetto per il decoro della casa e per la conservazione degli arredi messi a disposizione.
  2. La Direzione può rivalersi per eventuali danni e guasti cagionati dall’ospite, in particolare all’arredamento.
  3. La Direzione non risponde di beni o valori lasciati incustoditi dall’ospite nelle camere. Eventuali oggetti di valore o modiche somme di denaro dovranno essere riposti nell’apposita cassetta di sicurezza presso la sala di ricevimento.
  4. L’importo giornaliero del pernottamento e del servizio per la somministrazione del pranzo e della cena, è indicato su apposita tabella, affissa presso la sala ricevimento ed in ogni camera. Nell’importo non sono compresi eventuali ulteriori servizi accessori offerti.
  5. L’ospite che non abbia versato alcuna caparra è tenuto a provvedere al pagamento anticipato del pernottamento al momento dell’arrivo, durante le operazioni di ricevimento.
  6. La prenotazione è personale, non sono ammesse sostituzioni né in camera né in sala da pranzo.
  7.  L’Ospite che interrompesse il soggiorno prima del termine stabilito non ha diritto ad alcun rimborso.
  8.  Per eventuali pasti non consumati in Casa non si accordano abbuoni; in caso di escursioni, dando il necessario preavviso, viene fornito un cestino da viaggio in sostituzione del pasto.
  9. L’ospite è tenuto a liberare la stanza il giorno di partenza, entro l’ora stabilita e precisata nel “Vademecum dell’Ospite”, nonché a restituire la chiave.
  10. Qual’ora, la stanza venga usata oltre l’orario stabilito (ore 12.00) verrà applicato un supplemento pari al 50% del costo della camera.
  11. Si raccomanda vivamente di evitare rumori che possono recare disturbo alla serena convivenza in particolare, dalle ore 14.00 alle 16.00 e dalle 22.30 alle ore 7.00 del mattino.
  12. L’accesso alle camere è consentito ai soli ospiti.
  13. All’interno della struttura e nelle camere è vietato fumare.
  14. Nelle camere è vietato usare bombole di gas, fornelli, stufette, bollitori, ferri da stiro.
  15. Il parcheggio delle auto degli ospiti è consentito, nei limiti della capienza, negli appositi spazi.
  16. L’eventuale uso autonomo da parte degli ospiti di punti di cottura nei locali previsti, avviene sotto la diretta ed esclusiva responsabilità dell’ospite. XVII. L’ospite è tenuto ad osservare l’orario dei pasti esposto nella sala da pranzo e alla reception.
  17. A tavola sono ammessi solo cibi e bevande della Casa.
  18. Per particolari motivi di salute o di intolleranza alimentare è permesso, in accordo con la Direzione, richiedere menù diversi da quelli fissati dalla Casa.
  19. Il servizio di ricezione e portineria inizia alle ore 08,00 e termina alle ore 24,00. Il personale della Casa, è sempre disponibile in caso di necessità. Nelle ore notturne utilizzare il citofono presente in camera.
  20. Il rientro serale è fissato alle ore 24,00. L’ospite che per particolari motivi, si trovasse nella necessità di prorogare il rientro, è pregato di preavvisare per tempo la Direzione.
  21.  All’uscita della struttura l’ospite è tenuto a depositare le chiavi alla reception.
  22. La pulizia della camere viene effettuata giornalmente e comunque ad ogni cambio di ospite.
  23. Il cambio della biancheria viene effettuato almeno una volta la settimana e comunque ad ogni cambio di ospite. E’ possibile usufruire di lavatrice a gettoni il cui uso è regolamentato secondo quanto stabilito dalla Direzione.
  24. Per nessun motivo è consentito introdurre animali nella Casa.
  25. Eventuali comunicazioni o reclami dovranno essere presentati alla Direzione della Casa per ferie, nella persona del responsabile, cui è demandata la diretta responsabilità del buon andamento della struttura.
  26. La direzione della Casa, si riserva di allontanare a suo insindacabile giudizio gli ospiti che, pur avendolo visionato non si attengono al regolamento.
  27. L’Ospite è invitato a leggere attentamente le “ISTRUZIONI D’EMERGENZA ” riportate in calce alla presente, osservandole scrupolosamente. Il rispetto di tutto quanto sopra si rende assolutamente necessario in quanto trattasi di un servizio per l’ospitalità svolta senza scopo di lucro nel perseguimento delle finalità di religione e di culto dell’Opera.

ISTRUZIONI D'EMERGENZA

AVVISTAMENTO EMERGENZA

In caso di avvistamento di una situazione di emergenza (incendio, crollo, infortunio, ecc.), qualunque ospite presente nella struttura si comporterà nel modo seguente:

⇒ Avvisare immediatamente LA RECEPTION (Responsabile della squadra di Emergenza) mediante chiamata al citofono;

⇒ Fornire dettagliate indicazioni sull’incidente (come e dove è avvenuto, entità);

⇒ Ascoltare gli eventuali messaggi di allarme e seguirne le indicazioni.

COMPORTAMENTO IN CASO DI EVACUAZIONE

Al segnale di evacuazione, che viene diramato con ALLARME SONORO,

Tutti gli ospiti presenti devono:

⇒ dirigersi senza indugi verso le uscite di sicurezza più vicine e, successivamente, verso il punto di raccolta, che si trova, nell’area cortiliva antistante l’ingresso principale;

⇒ percorrere le vie di esodo ordinatamente, senza spingere, correre, fermarsi o urlare;

⇒ una volta raggiunto il punto di raccolta, attendere che venga effettuata la verifica numerica dei presenti.

DIVIETI

⇒ E’ VIETATO UTILIZZARE L’ASCENSORE IN CASO DI INCENDIO;

⇒ E’ VIETATO IMPIEGARE FORNELLI DI QUALSIASI TIPO PER IL RISCALDAMENTO DELLE VIVANDE;

⇒ E’ VIETATO UTILIZZARE STUFE ED APPARECCHI DI RISCALDAMENTO O DI ILLUMINAZIONE IN GENERE A FUNZIONAMENTO ELETTRICO CON RESISTENZA IN VISTA O ALIMENTATI CON COMBUSTIBILI SOLIDI, LIQUIDI O GASSOSI;

⇒ E’ VIETATO TENERE DEPOSITI, ANCHE MODESTI, DI SOSTANZE INFIAMMABILI.

⇒ E’ VIETATO INGOMBRARE LE VIE DI ESODO E LE USCITE DI EMERGENZA CON BAGAGLI

O ALTRI MATERIALI.

Lodi, 27 aprile 2005

Il Presidente

 Valsecchi don Antonio

Il presente documento entra in vigore dal 27 aprile 2005.

La presente copia viene distribuita in forma controllata a tutti gli ospiti ed a tutti coloro che ne facciano richiesta al fine di conoscere la struttura.

E’ responsabilità della Direzione aggiornare il documento e provvedere alla reimmissione.

Ultimo aggiornamento il 03 febbraio 2010.